Categoria: Generale

Fammi sveglio

niloNon so quando,ma verrai.Mi spaventa solo se non mi trovi
così come mi vuoi.Non vorrei essere sorpreso in disfatta
Sarebbe veramente terribile non sentire più i tuoi passi
il respiro del cuore che mi vibra carezze o i tuoi occhi
che si allungano per abbracciarmi.Ti prego,fammi sveglio
per il tuo arrivo,in modo che possa guardarti e gridarti
che ti amo ancora.Non trattarmi senza preavviso,desidero
vedere la luce del tuo volto,prima che si oscuri la vita

Sognare per vivere e vivere per sognare

sog

 

Sognare per vivere e vivere per sognare può accarezzare lo scorrere del tempo,  può donare all’ esistere voglie diverse, ma non apre veri e reali orizzonti, dove ognuno scopre ciò che  é  e  quello per cui sogna e vive.

Imprigionare la vita solo in un andirivieni di sogni, fragili come il canto di una cicala, non la rende affatto appagante, anzi la diseduca dal vivere bene il suo destino,  che,  aldilà di tante contraddizioni, ha in sè la speranza delle cose di lassù.

Chiudersi, pertanto,  in questo circolo vizioso,  impedisce qualsiasi volo di conquista definitiva e sciupa il vivere e il sognare in povere appendici,  quasi ali bagnate di una farfalla,  che fa fatica persino a trovare la strada del ritorno.

Saperci sbarazzare di noi stessi

ins

Credo che il problema più delicato e difficile per ognuno di noi,  è sapersi  liberare dalle tante onde di cattiveria, odio ed invidia, che attorcigliano il cuore e lo rendono come un mare sempre agitato.

Sbarazzarci di ciò che alligna nella profondità dell’ io, dove è  nata una forma di convivenza, che fa sembrare un pò tutto normale, persino il male, è  un atto di coraggio, un gesto di vera pulizia, necessari per trovare noi stessi.

Oggi, sia nelle piccole che nelle grandi cose, non siamo più presenti a noi stessi: siamo trainati dal nostro disagio interiore, che,  finchè, come bussola orienta la vita, apre la porta a qualsiasi follia.

La verità di tanti eventi nefasti, che accadono tra di noi,  è da cercarsi appunto in questo grave disagio, che non trovando schiarita alcuna, ci veicola in un mondo di contraddizioni, dove tutto si tinge di nero.

Leggi tutto… »

É difficile trovare un uomo che non ha mai pianto.

pian

É difficile trovare un uomo che non ha mai pianto.Se in lui ancora resiste un pensiero, una speranza di Dio e di umanità, troverà sempre occasioni di cuore, che gli aprono gli occhi.Anzi, chi crede di essere un duro, solo perché ostenta una maschera di insensibilità, non può non sentire le lacrime, appena riconquista la verità del suo sguardo.Esse sono il passaporto per bussare alla porta di se stesso e per vedere bene il volto di Dio.Del resto, la storia vera di un uomo non si scrive con gli occhi asciutti, ma con l’ inchiostro delle lacrime versate durante la vita.E sono sempre lacrime di sofferenza e di gioia.

La bellezza del donare

amic

Il poeta contemporaneo, Giorgio Caproni, scrive:” Tutti riceviamo un dono. Poi non ricordiamo più né da chi né che sia. Soltanto ne conserviamo, pungente e senza condono, la spina della nostalgia”.

La storia di ognuno è  un intarsio di doni ricevuti e presto dimenticati . Nemmeno il tempo per dire grazie che subito si accende la speranza di chiedere qualcos’altra.

E’ un circuito senza sosta, dove  non esiste ingratitudine del sorpasso: ciò che conta è avere qualcosa, che solo quando manca, accende il ricordo e, quindi,  la spina della nostalgia. Non tanto della presenza di chi ha donato , quanto dell’assenza  della cosa ricevuta.

Purtroppo, viviamo in un mondo strano, dove la riconoscenza è solo  un arco di tempo, che va da un piacere all’altro. E in questo frattempo così  breve, nonostante tutto,  ognuno potrebbe sperimentare una grande verità:  la bellezza di donare indipendentemente  da ogni genere di grazie.

Leggi tutto… »

Scrivere la propria identitá

fil

Gli occhi, la mente ed il cuore degli uomini moderni non hanno più davanti a sé altre mete, se non quelle di correre sempre sugli stessi circuiti dell’ interesse e dell’ effimero.

Hanno smarrito, durante la giornata, il desiderio di levare al cielo un pensiero, un sospiro di richiesta: corrono senza alcuna fiducia, se non in se stessi.

E proprio qui cadono, anzi precipitano, perché una vita con gli occhi bassi, prigioniera della ragnatela da essa intessuta, rischia di imbattersi in un precipizio.

Pertanto, oggi più che mai, è necessario aprire gli occhi al cielo, non per eludere la realtà, che resta sempre un misto di stupore e di pensosità, ma per cercare, al di là del visibile, quelle pagine ancora bianche, in cui é possibile scrivere la propria identitá di figlio di Dio.

La tristezza di molti cristiani

volto triste

C’è una tristezza leggibile sul volto di molti cristiani che nasce dalla consapevolezza di non ascoltare e vivere in coerenza la Parola di Dio, rinchiusa in una sorta di perbenismo, che appaga l’apparenza, ma non il cuore.Il loro è un ascolto non vibrante, che non scende in profondità, fino a sentire il tormento di sé, al cospetto di ciò che proclama.Si perdono nelle amenità di vuoti ritualismi, che accarezzano la corteccia della mente, ma non allargano il respiro dell’anima che desidera il volto di Dio.E sono proprio costoro che tolgono alla fede il suo sorriso e la vestono spesso con una coltre di ipocrisia, che uccide ogni credibilità.Invece, oggi più che mai, il cristianesimo ha bisogno di trasparente semplicità e, soprattutto di volti sorridenti, nei quali ognuno può vedere e sentire il profumo di Dio.

Ad Auschwitz

Come me,anche tu non puoi dimenticare quanto
accaduto in questi recinti:l’umano fu ucciso
Qui Dio pianse davanti alla pazzia dell’uomo
chiuse gli occhi,perché più non lo riconobbe
Ad Auschwitz ho visto il diavolo della morte
che sorrideva ancora,persino a poveri scarti
Ho sentito intensi brividi di sangue versati
dalla ferocia di chi fu peggiore del diavolo
Ho letto sui bagagli le speranze del ritorno
scritte con variegati numeri di appartenenza
Ovunque in ogni angolo m’è sembrato di udire
respiri di dolore,che trasudavano dalle foto
Nulla era inosservato.Tutto tirava gli occhi
smarriti nella visione di scarpe di ogni età
Capelli ammucchiati,recipienti multiuso,cose
sbiadite di vita quotidiana,vestiti di bimbi
Un mondo ancora sanguinante,dove gli sguardi
erano grappoli di lacrime per tanta tragedia

L’invidia non gratifica

gel

L’ invidia é un sentimento del tutto straniero al mio modo di pensare ed agire.Guardo sempre con interesse chiunque incontro nel mio cammino, ben sapendo che  da  tutti, aldilà  di  ciò  che  rappresentano, posso ricevere qualcosa.Mai mi piango addosso, vedendo altri migliori di me;  anzi, mi ringalluzzisco, rubando da essi quello che mi manca.Rodersi al cospetto di chi é veramente bravo, rivela solo una povera fragilità psichica, che, se non misurata nel tempo, diventa cattiveria.Del resto, l’invidia  non gratifica, ma impoverisce nel cuore e nella mente.Invece, chi  con  semplicità riconosce  il talento altrui e cerca di emularlo, si arricchisce e vive senza il tarlo della gelosia.

Né bene né male

Di me non parlare né bene né male:amami come sono
solo alla fine mi devi pesare e puoi capire tutto
anzi,darai una ragione persino all’insignificante
che non manca mai in ciò che dico e saprai veritá
che l’apparenza d’occasione non offre,ma il tempo
dipinge nella cornice di quello che io sono stato
Non un bambino capriccioso,ma uomo da marciapiedi
con gli occhi mai stanchi e le mani sempre aperte
mai indisponibile ed attento a donarsi a chiunque
trafitto dalla povertà;uomo dal volto mai incerto
ma pulito,pronto a far vibrare l’anima e il cuore
con il respiro dell’umiltà e della sua semplicità