Arriva senza pietà

In te,fratello mio,ho sentito il respiro
della morte,mentre chiudeva i tuoi occhi
Mai avrei pensato un epilogo così fugace
benchè vinto dal dolore,eri ancora forte
Nulla ho potuto se non leggere sul volto
l’addio alla vita,già in cornice ricordo
Non ho pianto nè piango,ma troppo manchi
ora che il tempo per me si è fatto corto
Mi guardo e,a differenza di ieri,mi vedo
non più allegro,stordito dalle tue moine
Sono come un vecchio gabbiano silenzioso
che rumina in cuore i frammenti di gioia
E senza preavviso lei arriva senza pietá

Lascia un commento

Devi autenticarti per lasciare un commento