Non cambi mai

Non cambi mai,sembri una immagine perfetta di ieri e direi di sempre,neppure il tempo sibila sul volto le corde del suo scorrere, tutto è uguale,persino il sorriso riflette senza rughe la tua primavera e chi ti vede non ricorda ciò […]

Aldilá di quello che sei

Aldilá di quello che sei,un povero millantatore di ciò che non hai ti guardo con amore,perché sotto la corteccia tu nascondi emozioni di semplicità,che ti rendono ricco di simpatia,quasi come un bimbo che pago di ciò che dice fa,gode per […]

Guida di luce

Un giorno non lontano cambierò,toccherò sponde nuove le calpesterò senza nostalgia,anzi su di esse volerò con ali di libertà preso solo dal fascino della meta Più non sentirò voci di richiamo nè segnerò immagini nella cornice del cuore tranne la […]

Sempre oltre

Mai mi fermo alla soglia dell’orizzonte Vado sempre oltre. Non per curiosità,ma per ritrovarmi nel cuore dell’infinito,dove scopro chi veramente sono.

Vai da solo

Vai da solo senza paura di notte,mentre altri dormono sulle vie di periferia dove,pur sapendo che ogni cosa è imprevedibile, raccogli come samaritano cocci umani sparsi qua e là, poi li accarezzi li deponi nel cesto del tuo cuore, che […]

 

Chi bussa alla porta?

Non affogare la vita nello scrigno d’oro
ogni cosa vive nel segno del provvisorio
Nessuno si appaga in quello che possiede
nè depone le ali,usate sempre per volare
Chi ha,più vuole e si preoccupa di avere
è come una trottola,mai stanca di girare
Non correre troppo:prima o dopo,la scena
passerá,senza sapere come chi sarà erede
Non c’è preavviso:si ammassa in un tempo
più o meno lungo;un soffio dilegua tutto
Ciò che uno aveva ieri,non sa tra domani
ed oggi di chi sarà:chi bussa alla porta?
Il denaro non pone al riparo dalla morte

Nasce l’amore

Solo chi si ama,desidera conoscersi bene
si cerca ovunque,anche nelle cose deboli
Non vola in alto per vedersi tra le nubi
ma preferisce stare con chi gli è vicino
Soltanto nell’altro eleva la sua umanità
e vive il silenzio di un divino nascosto
Ciò che sente vibrare in sè e nell’altro
diventa ad un tratto rivelazione d’amore
Cadono gli steccati e le mani si cercano
senza difficoltà si inseguono come amici
Invece,mai amerà se stesso chi fugge via
nè si conosce bene,se non guarda l’altro
Vivendo,camminando insieme,nasce l’amore

Riprendere il ritmo

Un giorno,quando tutto mi appare diverso
mi fermerò,per scoprire ciò che mi manca
Non guardo se è poco o molto,ma il cuore
che vibra la nostalgia di ciò che non ha
Purtroppo non sempre le sue corde fecero
suoni d’amore;amarono perdersi nel vuoto
Certo ho corso tanto,spesso anche troppo
posandomi su amari cespugli di cose vane
Inebriato dall’immediato,ho solo pensato
a me stesso,ostentando ciò che non avevo
Adesso mi sento un pò stordito,ma ancora
tanto sveglio,per risanare le sue ferite
Volendo,il cuore può riprendere il ritmo

Sento di darti qualcosa

Non ho niente da dirti,anche se ancora sento di darti qualcosa
sono deluso per come mi hai parlato,ma non so vederti estraneo
tutto di te mi è familiare e si appende a ricordi vecchi nuovi
che pure nel silenzio mi ravvivano la vivacità del tuo sguardo

Mente e cuore

Ogni volta che scivoli nei pensieri neri
non aver paura:fermati e dilata il cuore
Spesso ciò che oscura la mente,risplende
nella purezza del cuore,dove sai chi sei
Qui,senza parlare o pensare,senti verità
che ti tracciano nuove vie verso la luce
Uscirai dal buio e ciò che pareva oscuro
in pensieri,si illumina e diventa realtà
Non sempre trovi in mente ciò che dimora
in cuore:sono due mondi non sempre uniti
Nel bene e nel male essi giocano partita
a sè;solo quando cadono nel fosso,volano
E in volo rivelano tutto il loro mistero

Mi fanno felice

Ogni giorno prima di scendere giù,guardo
in cielo,dove vivo pochi istanti di volo
Mentre tutto appare una corona di gloria
sento voci di terra,che aprono la realtà
Nulla vedo che non sia respiro di fatica
o di affanno per l’incertezza della vita
Osservo tanti volti impregnati di sudore
occhi smarriti,distrutti dalle delusioni
Grida inconsulte inseguono gesti inediti
con un mercato di parole a bassa dignità
Tale contrasto pure se m’addolora,esalta
il desiderio delle cose che vivono lassù
Pochi istanti di ricerca mi fanno felice

Bellezza combinata

corallina a

É un momento di grande stupore lasciarsi attrarre
dalla bellezza combinata del mare e del cielo,
soprattutto quando gli occhi si lanciano lontano
e li confondono in unità.
Qui,sembra vedere un intarsio di cielo, a  volte di mare,
tutto sempre in una cornice di grande curiosità,
dove il mistero avanza e scruta l’ anima  con tante domande.
All’ improvviso, si  aprono orizzonti nuovi, dove é facile
gustare un profondo desiderio di infinito, che eleva la stessa umanità.

La vera amicizia

amicizia

L’amicizia è una parola molto gridata e troppo sciupata.
Alcuni la riducono a semplici moine o reciproci sorrisi.
E, pur sapendo di non nutrire sentimenti di sincerità, 
la vivono solo per convenienza.
Altri,invece,la ostentano e la invocano solo per se stessi.
E, pur saldandola con buoni vincoli,facilmente la soffocano,  
quando subentrano interessi.
E che dire di quelli che si professano amici perché si ritrovano
nei soliti salotti bene o frequentano gli stessi ristoranti?
L’ amicizia non è questo involucro di esteriorità.
È anima che genera e cerca amore.
E sa riposare solo nel cuore di chi si apre all’ amore.
Non conosce paure nè sottintesi.
È come un vaso comunicante che condivide tutto,
senza mai perdere una goccia.
Ecco perchè avere un amico è come possedere un vero tesoro.

Vive male

Quando stenderò le braccia,sognerò amore
e cercherò uno a cui donare il mio cuore
Non scelgo chi m’è simpatico,ma qualcuno
forse inconsistente,che ha bisogno di me
Per me non conta ciò che provo,ma quanto
realmente faccio per potermi condividere
A volte,mentre ho le mani aperte e penso
l’altro va via:nei calcoli non c’è amore
Prima di dare,non pensare se come quanto
tu se ami veramente,donati gratuitamente
Spezzando il cerchio dell’egoismo,vedrai
e sentirai la gioia che nasce dall’amore
Chi si nasconde per non donare,vive male

Non sono nè comunista nè capitalista

poveri

Se ami i poveri, sei un comunista. Se frequenti i ricchi, sei un capitalista.
E’  il pensiero debole di chi guarda l’ apparenza e non il cuore.
Io non sono né l’ uno  né  l’ altro. Non seguo nessuna ideologia.
Cerco solo di vivere il Vangelo, che mi offre la possibilità
di gridare la mia umanità nella luce di Cristo,
che, pur privilegiando i poveri, annienta Se stesso per la salvezza di tutti.
Ed  io, come Lui, pur aprendo il cuore a chiunque,
scendo verso il mondo che non conta,
dove gli occhi sono spenti e le mani sono sempre aperte.
Vado là dove la povertà si veste di gioia,  
nel gioco di una  provvidenza umana e divina,
che salda l’ amore verso Dio ed  il prossimo.